11
Gen
2017

17 gennaio: la tradizione contadina accende il Falò di S. Antonio

Per votare il tuo vincitore, effettua il Login!

Nei comuni del nostro territorio, da Magenta a Legnano, da Rho ad Abbiategrasso fin a tutto il Castanese, il 17 gennaio si rende omaggio all’inizio del nuovo anno con una delle più sentite tradizioni del mondo contadino milanese: il “Falò di S. Antonio“.
Una vera e propria festa aperta a tutti in cui sarà possibile degustare, in tutta convivialità, frittelle, vin brulé e cioccolata.

Ecco di seguito gli appuntamenti nei nostri comuni il prossimo martedì 17 febbraio.
Ad Albairate, dalle ore 20.30, presso il parco di via Donatori di Sangue, si terrà il “Falò di S. Antonio”, con distribuzione di bevande calde, a cura della Pro loco.

A Bernate Ticino, alle ore 21.00, in via Vittorio Emanuele nel prato antistante la Canonica Agostiniana, verrà acceso il “Falò di S. Antonio” con distribuzione di frittelle e vin brulé.

A Boffalora sopra Ticino, dalle ore 20.00, in via Nuova Circonvallazione angolo via Magenta, si accenderà con allestimento di stand gastronomici, a cura dell’associazione Al Muron e dell’Associazione Storm of Helmets – Motoclub Boffalora, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale.

A Cassinetta di Lugagnano, domenica 15 gennaio dalle ore 14.00, presso il Parco Pro loco di via Trento 9/11, si terrà la “Frittellata di Sant’Antonio Abate”, a cura della Pro loco.
Il programma prevede, dalle ore 14.00 e fino a esaurimento scorte, una distribuzione gratuita di frittelle, tè caldo e cioccolata e, nel tardo pomeriggio, nelle vicinanze, a cura dei genitori e dei ragazzi dell’Oratorio ci sarà l’accensione del “Falò di S. Antonio”.

A Corbetta, si accenderà il tradizionale “Falò di S. Antonio” in due diverse zone del territorio comunale: alle ore 20.00 in via Calatafimi, angolo viale Borletti, con salamelle, patatine, birra e bibite, vin brulè, tè e chiacchiere, a cura della Pro Loco e del Comitato Rione Malpaga; dalle ore 20.30, nelle frazioni di Cerello e Battuello, presso l’Oratorio S. Giovanni Bosco.

A Cuggiono, dalle ore 20.45, presso la frazione di Castelletto, in via Languria, si terrà un evento per il falò di S. Antonio dal titolo “S. Antonio e gli UFO”, con distribuzione di cioccolata calda, vin brulé e leccornie e, novità di quest’anno, il “Falottino” (punch caldo) a cura del Gruppo Terre di Fantasia.

A Cusago, nel segno della tradizione rurale legata a Sant’Antonio Abate, si svolgeranno due iniziative: martedì 17 gennaio alle ore 20.30, si accenderà il tradizionale “Falò di S. Antonio”, organizzato dalla Pro loco e dalla Protezione civile, sui prati adiacente al Castello, con distribuzione di vin brulé, salamelle alla griglia, tè caldo e dolci; domenica 22 gennaio 2017, dalle ore 15.30, alla Cavetta di Cusago, area naturalistica poco distante dal centro del paese, lungo la Strada Provinciale 162, nei pressi della Cascina Naviglietto, sarà organizzato un piccolo falò, con merenda e tè caldo, a cura dell’Associazione Banca del Tempo.

A Morimondo, domenica 15 gennaio 2017 dalle ore 17.00, presso la sede della Pro loco, in via Fratelli Attilio, si accenderà il “Falò di S. Antonio”, con distribuzione di vin brulé, cioccolata calda e dolci, a cura della Pro loco di Morimondo.

A Ozzero, dalle ore 20.30, presso il Parco Cereda in via Primo Maggio, si terrà il “Falò di S. Antonio”, con distribuzione di vin brulé, cioccolata calda e frittelle, a cura della Pro loco.

A Robecco sul Naviglio, alle ore 20.30, si accenderanno due “Falò di S. Antonio” con distribuzione di dolci, bevande calde e vin brulé: uno in via Cavour, l’altro in località Cascinazza, nei pressi del parco di via Ticozzelli.

A Turbigo, giovedì 26 gennaio 2017 alle ore 21.00, presso il Campo della Giobia, in via Trieste, angolo via del Torrione, si svolgerà il tradizionale “Falò della Giobia” – la strega dell’inverno -, con distribuzione di vin brulé, birra brulé e chiacchiere, a cura della Pro loco.

Lascia un Commento

Questa settimana parliamo di:Eventi del territorio

Altri articoli
Entra in OkNetwork

Carrello