Euro 2016: le semifinali di Uefa

Ormai ci siamo, manca solo l’ultimo atto dopodiché dovremo salutare a malincuore questa meravigliosa edizione di Euro 2016.
Con le due semifinali di mercoledì e giovedì abbiamo conosciuto i nomi delle due finaliste: domenica 10 luglio lo Stade de France di Saint Denis vedrà sfidarsi Portogallo e Francia .
I lusitani hanno vinto nella semifinale di Lione contro il Galles, in quella che si era delineata fin da subito come la sfida tra Ronaldo e Bale.

Non è stato sicuramente un uno contro uno, ma sono stati loro i giocatori più brillanti di questo match. Nel primo tempo, abbastanza tattico e noioso, Gareth Bale è l’unico giocatore veramente pericoloso, soprattutto quando ha campo da aggredire per le sue proverbiali sgroppate palla al piede.

Nella ripresa spunta Ronaldo, molto in ombra nel primo tempo. Prima apre le marcature con un gran colpo di testa, già tema di ricerca in varie università per la forza sprigionata nello stacco. Poco dopo calcia un diagonale con il destro sul quale interviene Nani in scivolata, spiazzando Hennessey e consegnando al Portogallo il pass per la finale.

Probabilmente il Galles poteva fare di più, ma hanno pesato moltissimo le assenze di Ramsey e Davies nella prestazione della squadra di Coleman, che comunque non può che dirsi soddisfatta del cammino nella competizione.

2016-1494486_1920La semifinale più attesa era sicuramente quella della parte destra del tabellone, ovverosia lo scontro tra le due squadre favorite: Francia-Germania.
Nel primo tempo i tedeschi sembrano controllare la partita senza grandi difficoltà, con Lloris che deve superarsi sulle conclusioni di Emre Can e Schweinsteiger.

Allo scadere della prima frazione, però, è proprio il capitano della Germania a toccare di mano un pallone in area di rigore e Rizzoli comanda calcio di rigore per la Francia. Griezmann realizza senza problemi e si va a riposo 1-0 per la Francia. Il gol dà fiducia agli uomini di Deschamps, che nella ripresa tengono molto bene il campo.

A venti minuti dalla fine Kimmich sbaglia a rinviare, la palla arriva a Pogba che prende letteralmente in giro Mustafi, crossa in mezzo, ci arriva Neuer ma sulla respinta è sempre “le petit diableAntoine Griezmann a mettere il pallone in rete per il definitivo 2-0 che fa impazzire il Velodrome di Marsiglia.
A fine partita i francesi vanno sotto la curva occupata dai tifosi di casa e festeggiano con il “geyser sound“, scenografia spettacolare che abbiamo imparato ad amare grazie ai tifosi islandesi.

L’appuntamento è quindi a domenica, ore 21 a Saint Denis, nello stadio in cui Zidane consegnò il primo, e finora unico, titolo mondiale ai francesi, per la finale di Euro 2016.
La sfida è quella tra Francia e Portogallo e finalmente sapremo chi vincerà questa magnifica edizione degli Europei.

By Andrea Azimonti

Entra in OkNetwork

Carrello