21
Mar
2017

Corbetta, pugno di ferro sui rifiuti: “In arrivo le prime multe”

Per votare il tuo vincitore, effettua il Login!

Fioccheranno alcune multe. È inevitabile per chi non si è adeguato al passaggio alla mastella nel Comune di Corbetta.
Il sindaco Marco Ballarini, assistito per l’occasione dall’assessore all’Ambiente e Tutela del Territorio Chiara Lavazza e dal consigliere delegato all’Ecologia Luciano Bisatti, ha voluto questa mattina fare il punto sulla situazione organizzativa dei rifiuti in città.
Un tema strettamente legato alla sicurezza e al buon senso civico.

La raccolta differenziata, dal passaggio alla mastella dal 2014 a oggi – ha esordito il Primo Cittadino –, ha portato ai corbettesi un certo vantaggio sebbene il percorso da fare sia ancora lungo

Consigliere Bisatti, l’assessore Lavazza e il sindaco Ballarini

Grazie al recupero del database possiamo confermare che tale risparmio è stato del 22% nel 2015 mentre lo scorso anno, nel 2016, c’è stato un leggero aumento del 4%. Cosa che, verosimilmente, accadrà anche nel 2017 per il fatto che il Comune ha rinnovato, per legge, il contratto ai dipendenti ecologici.

Passo dopo passo il Comune di Corbetta sta cercando di potenziare l’efficienza del servizio con l’obbiettivo finale di attivare per ogni utenza la cosiddetta ‘tariffa puntuale‘: “Si tratta – spiega nel dettaglio Marco Ballarini – di un sistema di calcolo della tariffa rifiuti legato alla reale produzione di rifiuti.
Non si basa più solo sul metodo presuntivo e sul criterio dei metri quadrati dell’immobile, ma anche su quanti rifiuti sono prodotti e differenziati.
L’utente, in pratica, paga per quanto rifiuto indifferenziato produce: quindi meno rifiuti indifferenziati produce, meno spende
.”

In questi mesi la cronaca locale, ma è una cattiva abitudine di tutto il nostro Paese, si è occupata del fenomeno dell’abbandono dei rifiuti.
Furbetti incivili che preferiscono “smaltire” i propri rifiuti sulle strade o in altri posti di suolo pubblico.

Conferenza in Sala Giunta a Corbetta

Tuttavia Corbetta si è attivata anche per prevenire e reprimere questo assurdo malcostume: “È davvero un atteggiamento stupido – incalza il Sindaco di Corbetta –.
Chi getta i rifiuti per strada paga comunque le tasse ma danneggia la comunità, fa più fatica (trasporto, etc) e rischia delle sanzioni salate.
A Corbetta abbiamo già dei dati sui quali lavorare: dal passaggio alle mastelle, su 7.700 utenze complessive, circa 600 non avevano ritirato la propria mastella nonostante i nostri continui avvisi, inviti e solleciti (il 5%). Di questi, con il passare del tempo e a causa delle più disparate motivazioni (assenza, doppia abitazione, pigrizia, menefreghismo, poca dimestichezza con la novità, etc), oltre la metà ha poi ritirato la mastella. I restanti, invece, vedranno recapitarsi una multa di 150 €.
Dispiace ma così deve essere fatto!

Il Comune di Corbetta ha alle proprie dipendenze alcuni “eco vigili” che, tre giorni a settimana, girano per le vie cittadine al fine di verificare il corretto funzionamento della raccolta differenziata. A ora sono otto le sanzioni comminate. 
Non solo. A breve la struttura di controllo comunale verrà potenziata grazie all’acquisto di nuovi materiali.
In primis una telecamera mobile che sarà in dotazione alla Polizia Locale: “Verrà posizionata nelle aree sensibili (es: cimitero, zona industriale, strade periferiche, etc.). Ha un’autonomia di tre giorni nei quali filmerà tutti i movimenti.
Gli agenti e le guardie ecologiche avranno anche a disposizione due foto trappole: “Sono fotocamere più piccole e meglio mimetizzabili che filmano solo se scorgono del movimento.

Al termine della conferenza stampa l’assessore Lavazza ha invitato tutta la cittadinanza a partecipare il 2 aprile alla Giornata del Verde Pulito (in locandina i dettagli della manifestazione).

(per le foto si ringrazia Francesco M. Bienati)

Lascia un Commento

Questa settimana parliamo di:Eventi del territorio

Altri articoli
Entra in OkNetwork

Carrello