2
Nov
2015

Il dopo EXPO inizia all’Annunciata di Abbiategrasso

Per votare il tuo vincitore, effettua il Login!

Le brillanti conduzioni di Nicola Saldutti, capo redattore Economia del Corriere della Sera, e di Magda Antonioli, direttore del Master di Economia del Turismo dell’Università Bocconi, ed un nutrito parterre di esperti, hanno trasformato un evento di chiusura in una riflessione su un nuovo modello di rete tra territorio, cibo, vino, arte, design, moda ed eccellenze del “Made in Italy”. Palpabile, nell’aria, era la soddisfazione per un evento Fuori Expo, come L’Ambasciata del Gusto, che ha avuto un seguito superiore alle aspettative, con oltre diecimila persone nell’arco di sei mesi. A fare gli onori di casa Carlo Cracco, presidente dell’Associazione Maestro Martino e ideatore del progetto, che si è detto convintissimo della scelta dei dodici Chef Ambassador che hanno animato l’Ambasciata del Gusto (Antonio Colombo, Alba Esteve Ruiz, Paolo Griffa, Dario Guidi, Matteo Monfrinotti, Oliver Piras, Sara Preceruti, Luca Sacchi, Fabiana Scarica, Sara Simionato, Lucia Tellone, Sabrina Tuzi).M.Antonioli e Cracco

Lo chef Cracco si è detto inoltre molto soddisfatto del progetto, sia perché in questi sei mesi l’ex Convento dell’Annunciata è stato un luogo aperto a tutti con la possibilità di godere delle bellezze artistiche del monumento, sia perché l’offerta culturale del progetto, declinata nelle sue varie forme (la mostra fotografica realizzata con Giovanni Gastel, le degustazioni, il negozio autogestito dagli agricoltori del Parco del Ticino, le lezioni di cucina, gli incontri a tema), ha dimostrato di essere attrattiva sia per l’evento stesso che per il territorio in generale. Tutto questo è stato possibile grazie alla creazione di una rete di collaborazione attiva tra chef, agricoltori, produttori, scuole dove tutti hanno fatto gioco di squadra. Cracco ha inoltre sottolineato, così come evidenziato durante la mattinata anche dall’esperto enogastronomo Toni Sarcina di Altopalato, come a Milano esistano diverse scuole di cucina ma come nessun luogo abbia le caratteristiche di un’accademia capace di tenere insieme, con uno standing internazionale, cucina, arte, design e moda.

Sul tema del rapporto tra territorio, agricoltura e cucina d’autore sono intervenuti il noto pasticcere abbiatense Andrea Besuschio, i produttori del Parco del Ticino Dino Massignani e Sandro Passerini che hanno sottolineato il ritorno positivo che hanno registrato in questi mesi in termini di visibilità e attenzione verso il territorio oltre a rimarcare l’importanza che la cucina ha nell’esaltare i prodotti della terra. “L’Annunciata si presta a divenire il luogo perfetto per nuove contaminazioni tra food, arte, design e fashion” hanno affermato Nicoletta Morozzi fashion Area Leader di Naba, l’artista Paolo Gonzato, il designer Maurizio Riva di Riva 1920 e Camilla Lunelli delle Cantine Ferrari di Trento, partner del progetto. In particolare Nicoletta Morozzi, che ha già collaborato con l’Associazione Maestro Martino nello sviluppo di progetti culturali in cui il cibo e la moda sono elementi fondamentali, ha affermato come le scuole di formazione debbano necessariamente cambiare e diventare nuovi luoghi di produzione. Camilla Lunelli ha confermato la sua fiducia in progetti come quello di Ambasciata del Gusto ricordando come Giulio Ferrari, il fondatore della cantina, partecipò all’esposizione universale di Milano del 1906.

Hanno chiuso l’evento i saluti del Ministro Martina e dell’Assessore Gianni Fava di Regione Lombardia,  e Gian Piero Beltrami presidente del Parco del Ticino, felice per aver realizzato un piccolo sogno, portare all’interno di un capolavoro come l’Annunciata di Abbiategrasso il meglio della nuova enogastronomia italiana. Il sindaco di Abbiategrasso Pierluigi Arrara ha parlato di una scommessa vinta, per la grande partecipazione di pubblico, ricordando come gli ingredienti ci siano, e sia il tempo di accendere i fornelli e andare avanti, riferendosi agli accordi che porteranno alle nuove iniziative didattiche del 2016. In chiusura Carlo Cracco ha ringraziato Abbiategrasso e tutti i cittadini che hanno regalato al progetto energia e tempo e premiato i dodici Chef Ambassador per la loro professionalità e dedizione.

A margine dell’evento a chi ha chiesto ulteriori delucidazioni sulla programmazione futura in Annunciata, lo chef Cracco ha quindi dichiarato “Com’è noto il nostro obiettivo principale – come associazione Maestro Martino – è la creazione di un’accademia di cucina che sappia valorizzare un territorio che nel mondo è conosciuto per la buona cucina, per i prodotti agroalimentari d’eccellenza, per la moda, il design e per l’arte. Parlo di Milano, della Lombardia e, in particolare, della zona del Parco del Ticino in cui ci troviamo in questo momento. Nei prossimi giorni condivideremo con l’amministrazione comunale un programma di attività che vorremmo implementare nel 2016 per dare continuità all’esperienza del semestre Expo. Credo che si possa ipotizzare, nella prima parte del nuovo anno, il lancio di un primo progetto pilota di formazione destinato principalmente agli studenti meritevoli diplomati negli istituti della zona. Sarebbe molto bello riuscire a fornire anche qualche borsa di studio per i ragazzi più meritevoli. Daremo quindi ad un gruppo ristretto e selezionato di giovani un’opportunità concreta per entrare nel mondo del lavoro dall’ingresso principale. Una modalità utile e concreta per testare il progetto della nuova accademia”. (comunicato ricevuto)

 

Lascia un Commento

Questa settimana parliamo di:Eventi del territorio

Altri articoli
Entra in OkNetwork

Carrello