31
Mar
2017

Torneo a Parabiago, le scuole superiori fanno rete per la legalità

Per votare il tuo vincitore, effettua il Login!

Ieri mattina, giovedì 30 marzo, presso il campo sportivo Libero Ferrario di Parabiago il primo dei due tornei di calcio che conclude il percorso sulla legalità promosso e realizzato dalla rete di Istituti superiori del territorio.

Team Maggiolini

Tre le scuole coinvolte: per Parabiago l’Istituto Maggiolini (foto accanto il team) quale capofila del progetto e due Istituti di Rho, il Puecher Olivetti e il Mattei.
La partita di ieri è arrivata a conclusione di un percorso fatto durante l’anno scolastico in cui gli studenti hanno fatto esperienza di cosa significa la legalità e la proposta di una partita di calcio intitolata “Legalità 1 Violenza 0” sigilla quasi un patto per questi ragazzi e un loro palese schieramento dalla parte della giustizia.

L’intero progetto che coinvolge la rete di scuole, è stato chiamato “Il filo della Legalità” e vede impegnati, oltre alla Dirigente del Maggiolini, Daniela Lazzati e il corpo docente dei tre Istituti, tre responsabili: la prof.ssa Anna Maria Taria dell’Istituto Maggiolini, la prof.ssa Antonella Raele del Puecher Olivetti e la prof.ssa Daniela Togni del Mattei di Rho.
Tutte presenti a bordo campo oggi a tifare per la legalità e a raccontare quanto sia stato ricco e proficuo accompagnare gli studenti all’interno di un percorso che ha voluto dire, in alcuni casi, fare esperienza diretta del corso della giustizia.

Per tutti e tre gli Istituti, il percorso è iniziato con una riflessione sul ricordo, un’analisi partita dall’Olocausto con la visita al museo ‘Binario 21’ della Stazione Centrale di Milano quale luogo della memoria e proseguita con incontri, conferenze ed esperienze dirette sul campo.
Il progetto, infatti, ha voluto dire per gli studenti confrontarsi sul ricordo delle vittime della criminalità organizzata, assistere a processi penali per direttissima grazie alla collaborazione con l’Associazione Nazionale Magistrati, nonché partecipare a un incontro/dibattito sulla figura di Paolo Borsellino grazie alla collaborazione con la Carovana Antimafia Milano Nord-Ovest.
Ieri, invece, lo sport ha fatto da cornice e da sano strumento per tifare per la legalità.

Proprio per non dimenticare nessun aspetto della legalità, nemmeno quello più vicino al tema della sicurezza, durante il torneo la presenza della Protezione Civile ha garantito una supervisione di pronto intervento in caso di bisogno.

Lascia un Commento

Questa settimana parliamo di:Eventi del territorio

Altri articoli
Entra in OkNetwork

Carrello