29
Apr
2016

Incontro in Regione, pendolari S5: “primo passo per un dialogo costruttivo”

Per votare il tuo vincitore, effettua il Login!

Ieri pomeriggio, giovedì 28 aprile, si è tenuto un importante incontro in Regione Lombardia dove al tavolo del confronto si sono seduti il Comitato dei pendolari della direttrice S5 (Varese-Treviglio), i dirigenti di Trenord, e l’Assessore alle Infrastrutture e mobilità Alessandro Sorte.
Significativo il parere del comitato: “Siamo stati contenti di questo incontro nel quale abbiamo potuto presentare le problematiche che quotidianamente affrontiamo durante i nostri viaggi ferroviari.
Inoltre abbiamo presentato l’istanza firmata dai sindaci dei comuni, saldamente al nostro fianco.
Riteniamo questo essere un primo passo in direzione di una totale apertura per un costante dialogo costruttivo tra le parti.

Lo stesso Assessore Alessandro Sorte si è detto molto soddisfatto “Massima attenzione per le richieste dei comitati pendolari che mi sento di ringraziare per la serietà del lavoro svolto: indice di un metodo di lavoro corretto, basato sul confronto e non sullo scontro“.
Nel menzionare alcuni dati, tra cui un aumento della percentuale sulla puntualità (salita al 90%), Sorte si è detto poi “disponibile ad ascoltare le proposte dei pendolari per migliorare il bonus previsto dal contratto di servizio“.

Qualche giusta lamentela dei pendolari sul mancato rispetto delle composizioni e sulle troppe soppressioni dei treni: “le composizioni, è vero, vanno rispettate – ha confermato l’Assessore –. Bisogna però tener presente che la Lombardia offre un treno ogni 15 minuti, quasi come fosse un servizio di metropolitana. Siamo inoltre l’unica Regione che negli ultimi tre anni ha aumentato il servizio del 20%.
Le soppressioni sono calate di circa il 35% ma vogliamo tenere sotto osservazione il fenomeno delle soppressioni parziali
“.

Infine è stato affrontato anche il problema sicurezza: “un tema molto caldo a cui Trenord sta dando ampio risalto. Ricordo che siamo stati i primi a sperimentare guardie a bordo di un treno.
L’esito di uno studio di Trenord ha dimostrato che il livello di sicurezza è aumentato dell’8%.
Questo ci ha permesso di aprire un dialogo con il prefetto di Milano per portare nelle stazioni e sui convogli guardie giurate armate: i primi patentini sono già stati rilasciati, a breve le prime guardie entreranno in servizio.

Lascia un Commento

Questa settimana parliamo di:Eventi del territorio

Altri articoli
Entra in OkNetwork

Carrello