19
Set
2015

Poca gente alla manifestazione per la tangenziale a Robecco sul Naviglio (VIDEO)







Se dovessimo guardare i numeri la manifestazione di venerdì sera a Robecco sul Naviglio è stata un flop. Una cinquantina di persone in tutto. La maggior parte robecchesi, un noto industriale e il sindaco di Vigevano. Eppure si parlava di uno degli argomenti che nell’ultimo decennio (e forse ventennio) ha tenuto banco tra le pagine della cronaca dei giornali locali e non solo. La tangenziale per Malpensa. Venerdì, nel tardo pomeriggio, manifestavano coloro che sono a favore della strada. C’era Dario Tonetti che ricorda, in maniera simpatica, la prima manifestazione cui partecipò nel lontano 1989 insieme all’allora sindaco Beniamino Merlo. C’erano i residenti della strada per Magenta che non ne possono più di soffrire giorno e notte a causa di un traffico, ormai, insostenibile. C’era il presidente della BCS SPA di Abbiategrasso Fabrizio Castoldi che quella strada la vuole “perché Robecco è un bellissimo paese e non lo si può rovinare a causa di un traffico pazzesco come quello che vediamo tutti i giorni all’altezza del ponte. Togliamo il traffico e, finalmente, potremo godere di un paese stupendo che si potrà girare in bicicletta”. E poi fa leva sul lavoro.

Perché un paese che vuole svilupparsi non può avere certo delle infrastrutture che risalgono a decenni or sono. Ha bisogno di strade all’avanguardia che consentano gli spostamenti in poco tempo. C’era anche il sindaco di Vigevano Andrea Sala, comune che quella strada la vuole. A tutti i costi. Non stiamo li a scrivere quello che dicono, con esattezza, ognuno di questi personaggi. Molti di spessore che hanno tutte le ragioni del mondo per pretendere che il traffico da Robecco sul Naviglio sparisca. Tutti conoscitori e innamorati del loro territorio. Lo potete ascoltare nel video che proponiamo e che abbiamo girato venerdì pomeriggio insieme ai manifestanti. La salute prima di tutto. Chi vive in quell’area trafficatissima di Robecco respira polveri sottili (e mica troppo sottili) giorno e notte. Continueremo però a chiederci: la soluzione è un’autostrada che distruggerà e inquinerà il territorio? La tangenziale, che non sappiamo fra quanti anni verrà ultimata, ridurrà veramente il traffico sul ponte di Robecco sul Naviglio? Il collegamento veloce con Vigevano è davvero fondamentale per chi vive nel magentino e nell’abbiatense quando avrebbe avuto senso il collegamento con Milano? “Ci troveremo qui tra qualche anno e tireremo le somme”, ci ha detto un robecchese. Si parla da oltre 20 anni di circonvallazione a Robecco sul Naviglio, di traffico insostenibile a Pontenuovo di Magenta.

Lo sappiamo da secoli che l’intersezione tra Magenta e Robecco sul Naviglio è pericolosissima. Ma nonostante i gravissimi incidenti stradali, alcuni anche mortali, non si è mai fatto nulla per sistemare le cose. Non ci fidiamo e non ci fideremo mai di un’opera che distruggerà (proprio così, anche se a molti non importerà nulla) la frazione di Castellazzo dè Barzi e passerà a pochi metri da Cassinetta di Lugagnano. Auspichiamo che molti cambino il loro modo di spostarsi. Capiscano che per andare da Magenta a Robecco, se si è giovani e in salute, si può benissimo lasciare l’auto in garage e utilizzare la bicicletta. E così da Abbiategrasso a Robecco, ma anche da Abbiategrasso a Magenta. Una viabilità migliore è possibile, senza distruggere il territorio possibilmente.

Lascia un Commento

Per votare il tuo vincitore, effettua il Login!

Questa settimana parliamo di:Eventi del territorio

Altri articoli
Entra in OkNetwork

Carrello