Cucina piccante: alla scoperta del “Cappello del vescovo”

Nel mondo se ne fa sempre più consumo. Il peperoncino trova simpaticamente  maggior spazio nelle nostre cucine e rappresenta quel “più” che ogni piatto meriterebbe di avere, sempre.
Tra le decine di varietà che hanno invaso anche il ‘Bel Paese’ vi segnalo oggi il ‘Bishop’s Crown’, ovvero il ‘Cappello del vescovo’.

Il frutto maturo, di uno splendido rosso acceso, si presenta con la sua singolarissima forma che ricorda appunto un copricapo vescovile. Il sapore, molto fruttato, è davvero squisito grazie ad un grado di piccantezza relativamente basso, ad una fiera carnosità e croccantezza.

Originario di Portorico va ultimamente di moda qui in Italia anche per il fattore ornamentale. Infatti le piante, adattabilissime al nostro clima, sono coltivabili sia in vaso che in terra raggiungendo altezze significative tra i 160 cm e i 250 cm.
Perfetto per aumentare la ‘qualità’ di un’insalata, lo si può aggiungere su qualsiasi pietanza, primo o secondo che sia (es: Cellentani del Vescovo in crema di brie).
Imperdibile!

Scheda tecnica

Nome: Bishop’s crown (Cappello del vescovo)
Specie: Capsicum Baccatum
Scala ‘Scoville’: 5-10.000
Piccantezza: medio-bassa
Dimensioni frutto: lxl. 2-3 cm x 5-6 cm@Marco

 

 

Entra in OkNetwork

Carrello