14
Dic
2016

Truffe e raggiri nel magentino e legnanese

Per votare il tuo vincitore, effettua il Login!

Dopo aver raccontato la truffa subita da un 48enne di Pregnana Milanese, ricattato via whatsapp, sono continuate ad arrivare in redazione segnalazioni di raggiri di vario genere su tutto il nostro territorio.
A partire da Magenta e Castano Primo dove è stata messa in atto la cosiddetta truffa delle monetine nei parcheggi di alcuni supermercati.
La tecnica utilizzata è la stessa che oramai da tempo, nonostante i tanti avvisi e il personale di sicurezza, riscuote successo tra i lestofanti: la vittima, spesso carica di borse della spesa, sente delle monetine cadere e, nell’attimo in cui si china a raccoglierle, il criminale ne approfitta per rubare la borsa lasciata a terra “incustodita”. Per poi sparire velocemente.

Nel legnanese, e più precisamente a Cerro Maggiore, al comando dei Carabinieri sono giunte, invece, un paio di denunce per la truffa del mercurio. In questi casi le vittime si sono fatte convincere da finti dipendenti comunali a nascondere i propri gioielli nel freezer per tenerli a riparo da inesistenti fughe di mercurio (che sarebbe dannoso per il metallo stesso). In realtà è un espediente per acciuffare il malloppo e scappare approfittando della buona fede dei cittadini. A Parabiago, però, il trucco non ha funzionato e la coppia di malviventi se l’è dovuta dare a gambe elevate.

Anche i parroci invitano a prestare sempre molta attenzione durante il periodo natalizio. Infatti nel magentino erano stati avvistati loschi personaggi, travestiti da funzionari religiosi, che bussavano porta a porta chiedendo le offerte per le benedizioni delle case. Per questo motivo le varie parrocchie avvisano per tempo, con dei volantini nelle cassette postali, su giorno e orari in cui si effettueranno le tradizionali benedizioni.

Lascia un Commento

Questa settimana parliamo di:Eventi del territorio

Altri articoli
Entra in OkNetwork

Carrello